SPLIT PAYMENT E FATTURAZIONE ELETTRONICA

Ai sensi dell’art. 17-ter, DPR 633/1972, il presupposto oggettivo di applicazione della “scissione dei pagamenti” ricomprende ogni operazione soggetta ai IVA effettuata nei confronti delle Amministrazioni Pubbliche – a prescindere dal fatto che le cessioni di beni e prestazioni di servizi siano poste in essere nell’ambito dell’attività istituzionale o di quella commerciale dell’ente – e

SPLIT PAYMENT: nuovi soggetti coinvolti dal 1.7.2017

A decorrere dal 1.7.2017 è stata prevista l’estensione dello “split payment” alle operazioni effettuate a beneficio dei seguenti soggetti: • società controllate – di diritto o fatto, ai sensi dell’art. 2359, co. 1, nn. 1) e 2), c.c. – direttamente dalla Presidenza del Consiglio e dai Ministeri; • società controllate direttamente dagli enti territoriali (Regioni,

NOVITA’ ANTIRICICLAGGIO PER I PROFESSIONISTI

Soggetti obbligati Il DLgs. 90/2017, in vigore dal 4.7.2017, ha attuato la Direttiva 2015/849/UE, modificando la disciplina contenuta nel D.Lgs. 21.11.2007, n. 231: in primo luogo, è stata ampliata la platea dei professionisti tenuti all’osservanza degli obblighi prescritti dalla normativa sulla prevenzione al riciclaggio. In particolare, saranno tenuti al rispetto integrale della nuova legislazione (adeguata

SPLIT PAYMENT ALLARGATO DAL 1/7/2017

A decorrere dalle operazioni fatturate dall’1.7.2017 l’applicazione del meccanismo dello “split payment” alle cessioni di beni e alle prestazioni di servizi opera non soltanto verso le Amministrazioni Pubbliche, come definite dall’art. 1, co. 2, della Legge 31.12.2009, n. 196, per le quali i cessionari o committenti non sono debitori dell’imposta, ma anche nei confronti di

reverse charge iva: nozione di edificio

L’art. 1, commi 629 e 631, della Legge 23.12.2014, n. 190 (Legge di stabilità 2015), introducendo la nuova lettera a-ter), al co. 6, dell’art. 17, del DPR 633/72, ha disposto l’estensione del meccanismo di assolvimento dell’IVA mediante inversione contabile a nuove fattispecie nell’ambito del settore edile. In buona sostanza, la legge di stabilità 2015 ha