Spese di manutenzione: cambia il calcolo del 5%

L’art. 3, co. 16-quater, del D.L. 2 marzo 2012, n. 16 – introdotto, in sede di conversione, dalla Legge 26 aprile 2012, n. 44, entrata in vigore lo scorso 29 aprile – ha modificato l’art. 102, co. 6, del Tuir, abrogando la parte in cui è stabilito che “per i beni ceduti, nonché per quelli

A regime la proroga al 20 agosto dei versamenti

L’art. 3-quater del D.L. 2 marzo 2012, n. 16/2012 (c.d. Decreto semplificazioni tributarie) – introdotto in sede di conversione, dalla Legge 26 aprile 2012, n. 44, entrata in vigore lo scorso 29 aprile – ha inserito una nuova disposizione nell’art. 37 del D.L. 4 luglio 2006, n. 223, e precisamente il co. 11-bis. La norma

Studi di settore: i nuovi indicatori di coerenza per l’anno 2011

Con la pubblicazione del D.M. 26 aprile 2012, è iniziata la “campagna” degli studi di settore per l’anno 2011, che dovrà concludersi con la definizione dei correttivi anticrisi, dei modelli definitivi e con il software Gerico. Il provvedimento citato si occupa di aggiornare gli indicatori di coerenza, che da quest’anno assumono particolare rilevanza in funzione

Nuove imposte patrimoniali tra quadro RM e quadro RW

Con l’approvazione definitiva della legge di conversione del D.L. n. 16/2012 (Legge 26.4.2012, n. 42), diviene definitivo il quadro normativo relativo alla tassazione degli immobili e delle attività finanziarie detenute all’estero da parte di persone fisiche residenti nel territorio dello Stato. In questa sede, tuttavia, si intende focalizzare l’attenzione su alcune questioni di collegamento tra

Immobili in Paesi Ue o SEE: per l’Ivie rileva il valore catastale

Dopo numerosi travagli normativi, l’Ivie (Imposta sul Valore degli Immobili all’Estero) sembra aver trovato l’assetto definitivo, anche se, come vedremo nel presente intervento, rimangono alcune perplessità soprattutto di carattere operativo. La versione definitiva delle modifiche apportate dal D.L. n. 16/2012 (Legge n. 44/2012, pubblicata in G.U. del 28 aprile 2012), serba alcune sorprese per gli

Studi di settore: premio per i congrui “fedeli”

Siamo a fine aprile e già si parla di studi di settore per l’anno 2011, anche se in realtà non conosciamo ancora l’impatto dei correttivi congiunturali anti-crisi per l’anno 2011. Per tale motivo, già si sta profilando un possibile slittamento del termine di versamento delle imposte previsto per il 16 giugno, probabilmente di una ventina

Spesometro: verso un rinvio?

Dalle notizie apparse questa mattina sulla stampa specializzata, sembrerebbe possibile che la comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini Iva, di cui all’art. 21 del D.L. 78/2010 (cd. “spesometro”), la cui scadenza per l’anno 2011 è fissata al prossimo 30 aprile, possa essere posticipata di qualche giorno. Tale mini proroga, infatti, sarebbe allo studio dei tecnici

Studi di settore e accertamento induttivo

Con le manovre del 2011 (D.L. n. 98/2011), e con l’ultimo decreto semplificazioni (D.L. n. 16/2012), il legislatore è intervenuto più volte in materia di studi di settore. Come noto, tale strumento di accertamento di maggiori ricavi è stato derubricato nella categoria delle presunzioni semplici (e, come tali, non sufficienti ad invertire l’onere della prova

IMU: il ‘rebus’ dei versamenti per l’acconto di giugno

Entro il prossimo 18 giugno (il giorno 16, infatti, cade di sabato), moltissimi contribuenti italiani dovranno fare i conti con il versamento del primo acconto della nuova Imposta Municipale Unica, la cui struttura ricalca in buona sostanza, anche se in maniera peggiorativa, quella già esistente per la “vecchia” ICI. Gli aspetti maggiormente critici riguardano la tempistica di

Crediti Iva: è necessario alzare il limite alla compensazione

Nella stampa specializzata di questi giorni è frequente imbattersi in articoli che evidenziano i cronici ritardi dello Stato nell’esecuzione dei rimborsi dei crediti Iva vantati dalle imprese. Le difficoltà sono diffuse in tutta Italia, anche se nelle regioni del Nord il problema è più sentito, e ciò in funzione del maggior respiro internazionale delle imprese. Le fattispecie