Modello 730 precompilato, accesso delegato con modalità differenziate

Per l’accesso ai documenti relativi alla dichiarazione precompilata, è prevista una procedura differente, a seconda che ad accedere ai contenuti della dichiarazione siano i sostituti d’imposta, oppure i CAF ed i professionisti abilitati.
I sostituti d’imposta possono avvalersi dei soggetti incaricati della presentazione telematica delle dichiarazioni dei redditi di cui all’art. 3, co. 2-bis e 3, D.P.R. 322/1998 (CAF-dipendenti e/o professionista iscritto nell’Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili o dei consulenti del lavoro, abilitato allo svolgimento dell’assistenza fiscale), designandoli responsabili del trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 29, D.Lgs. 30.62003, n. 196. Anche al ricorrere di tale circostanza, i sostituti d’imposta sono comunque tenuti a:
·      conservare la delega per l’accesso all’area autenticata del contribuente;
·     consegnare al soggetto incaricato una richiesta sottoscritta con indicazione dei codici fiscali dei contribuenti sostituiti e le copie delle deleghe rilasciate dai sostituti;
·     informare i contribuenti sostituiti che intendono avvalersi degli incaricati della presentazione telematica delle dichiarazioni dei redditi di cui all’art. 3, co. 2-bis e 3, D.P.R. 322/1998.
I CAF e i professionisti abilitati possono nominare i propri dipendenti come operatori incaricati ad effettuare l’accesso alle dichiarazioni 730 precompilate, mediante apposita funzionalità resa disponibile all’interno dell’area autenticata del sito dei servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate.
Modalità di accesso alla dichiarazione precompilata
Il Provv. Dir. Agenzia Entrate 25992/2015 ha precisato che l’accesso ai documenti relativi alla dichiarazione compilata è consentito fino al 10.11, effettuando una specifica richiesta tramite file ovvero via web.
La procedura d’accesso tramite file prevede sostanzialmente che i CAF, i professionisti abilitati e i sostituti d’imposta (che prestano assistenza fiscale) possano accedere ad una o più dichiarazioni 730 precompilate mediante la trasmissione all’Agenzia delle Entrate di un file contenente l’elenco dei contribuenti per i quali richiedono i documenti relativi alla dichiarazione precompilata, per l’accesso ai quali è stata acquisita la delega.
Il file contenente l’elenco dei contribuenti deleganti, preparato tramite il software di predisposizione reso disponibile dall’Agenzia delle Entrate, deve essere inviato all’Amministrazione finanziaria utilizzando i servizi messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate, ovvero il servizio telematico Entratel, o Fisconline per i sostituti di imposta con un numero massimo di 20 percipienti.
Nel file da inviare all’Agenzia delle Entrate dovranno essere indicati, inoltre, i seguenti dati:
·    codice fiscale del soggetto richiedente (sostituto d’imposta, CAF o professionista abilitato);
·    codice fiscale del soggetto incaricato al trattamento dei dati personali.
Oltre alle generalità dei predetti soggetti, nel file da trasmettere all’Agenzia delle Entrate dovrà essere riportato l’elenco dei documenti richiesti (dichiarazione precompilata e informazioni inerenti alla dichiarazione in parola) riportando, per ciascun contribuente, le seguenti informazioni:
·    codice fiscale del contribuente;
·    reddito complessivo esposto nella dichiarazione dei redditi relativa all’anno precedente, risultante dal prospetto di liquidazione del modello 730 o dal quadro RN del modello Unico Persone fisiche;
·    importo esposto al rigo “differenza” nella dichiarazione dei redditi relativa all’anno precedente, risultante dal prospetto di liquidazione del modello 730 (modello 730-3) o dal quadro RN del modello Unico Persone fisiche;
·    numero e data della delega;
·     tipologia e numero del documento di identità del contribuente delegante.
La data a partire dalla quale sarà possibile inviare i file delle richieste sarà indicata sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate: entro i 5 giorni successivi all’invio della richiesta, sarà disponibile, nella sezione Ricevute dell’area autenticata del sito dei servizi telematici dell’Agenzia delle entrate, un file contenente l’elenco degli eventuali errori riscontrati nelle richieste trasmesse, con la relativa diagnostica.
È opportuno rispettare la predetta procedura, poiché in caso di errori non verranno consegnati i documenti relativi alla dichiarazione precompilata dei soggetti segnalati e sarà necessario inviare un nuovo file, predisposto con le modalità sopra descritte, contenente i dati corretti.
Per le richieste regolarmente pervenute a partire dal 15.4.2016, i documenti relativi alla dichiarazione precompilata sono resi disponibili, nell’area autenticata del sito dei servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate, entro 5 giorni dalla data della richiesta. Per le istanze regolarmente pervenute entro il 14.4.2016 i documenti in discorso sono resi disponibili entro 5 giorni a partire dal 15.4.2016. Contestualmente, sarà messo a disposizione l’elenco dei soggetti per i quali non è stata predisposta la dichiarazione 730 precompilata, e quello dei contribuenti per i quali è stata domandata e consegnata la dichiarazione 730 precompilata.
 
Accesso tramite web
Oltre alla procedura d’accesso tramite file è ammessa, ancorché soltanto in via residuale, ai CAF e ai professionisti abilitati, la possibilità di effettuare richieste di download dei documenti relativi alla dichiarazione precompilata dei singoli contribuenti, attraverso le funzionalità rese disponibili all’interno dell’area autenticata del sito dei servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate, previo inserimento delle credenziali Entratel rilasciate dall’Amministrazione finanziaria e di taluni dati del contribuente per il quale si richiede la dichiarazione 730 precompilata:
·    codice fiscale del contribuente;
·    reddito complessivo esposto nella dichiarazione dei redditi relativa all’anno precedente, risultante dal prospetto di liquidazione del modello 730 o dal quadro RN del modello Unico Persone fisiche;
·    importo esposto al rigo “differenza” nella dichiarazione dei redditi relativa all’anno precedente, risultante dal prospetto di liquidazione del modello 730 (modello 730-3) o dal quadro RN del modello Unico Persone fisiche;
·    numero e data della delega;
·    tipologia e numero del documento di identità del contribuente delegante.
I documenti relativi alla dichiarazione precompilata che verranno richiesti tramite web saranno resi disponibili al CAF e all’intermediario richiedente in tempo reale e non, come previsto per la richiesta a mezzo file, nei 5 giorni successivi alla richiesta.
 
 

Condividi la notizia