Deduzioni Irap maggiorate per il periodo d’imposta 2014

Il periodo d’imposta 2014 è interessato da alcune significative novità riguardanti le deduzioni dalla base imponibile Irap: l’incremento delle deduzioni forfetarie, e la prima applicazione della deduzione per le imprese che assumono lavoratori a tempo indeterminato. L’art. 1, co. 484, lett. a), n. 1), della Legge n. 228/2012 ha modificato l’art. 11, co. 1, lett.

Unico 2015, redditi di partecipazione nel quadro RH

Il quadro RH del modello Unico 2015 – Persone Fisiche viene utilizzato per riepilogare i dati relativi ai soci o associati che risultano tali alla chiusura del periodo d’imposta (art. 5 del D.P.R. n. 917/1986), e dichiarare le quote di reddito derivanti da partecipazioni in società, associazioni, imprese familiari o coniugali. In tale quadro, devono,

Congrui e coerenti agli studi di settore, preclusi gli accertamenti

Anche per il periodo d’imposta 2014, alle imprese congrue e coerenti alle risultanze degli studi di settore sono preclusi gli accertamenti analitico-induttivi, è ridotto di un anno il termine per l’accertamento ed è maggiore lo scostamento tra il reddito dichiarato e quello determinato sinteticamente ai fini dell’accertamento sintetico. Sono questi in sintesi gli effetti premiali

Contribuenti minimi, compilazione del modello Unico 2015

Il Quadro LM viene utilizzato per dichiarare il reddito derivante dall’esercizio di attività commerciali oppure arti e professioni, in base al regime di cui all’art. 27, co. 1 e 2, del D.L. n. 98/2011, che ha previsto l’applicazione di un’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle relative addizionali (5%) e l’abrogazione della ritenuta d’acconto sui compensi. Naturalmente,

Irap, autonoma organizzazione e principi giurisprudenziali

Il presupposto oggettivo di applicazione dell’Irap è rappresentato dall’esercizio abituale di un’attività autonomamente organizzata diretta alla produzione o allo scambio di beni, ovvero alla prestazione di servizi (art. 2 del D.Lgs. n. 446/1997). Il concetto di “autonoma organizzazione” non è stato, tuttavia, ancora definito a livello normativo: in tal senso, vi dovrebbero provvedere i decreti

Dichiarazione d’intento, presentazione in dogana agevolata

L’Agenzia delle Entrate ha modificato le istruzioni alla compilazione delle dichiarazioni d’intento, riguardanti il modello approvato lo scorso 12 dicembre 2014 sulla base della disciplina contenuta nell’art. 20 del D.Lgs. 175/2014. Tale disposizione prevede che l’Amministrazione Finanziaria metta a disposizione dell’Agenzia delle Dogane la banca dati delle dichiarazioni d’intento, fornendo così un nuovo e utile

“Rent to buy”: imposte sui redditi e Irap

Il legislatore per far fronte alle difficoltà del mercato immobiliare ha introdotto una nuova fattispecie contrattuale denominata “rent to buy”, ovvero “affitto con riscatto”, diversa dalla locazione finanziaria, con cui viene concesso in godimento un bene ad una parte (conduttore) in maniera immediata, rinviando al futuro il trasferimento della proprietà del bene. Tale istituto è

Vitto ed alloggio dei professionisti, deducibilità delle spese

L’art. 10 del D.Lgs. n. 175/2014 ha sostituito il secondo periodo dell’art. 54, co. 5, del D.P.R. n. 917/1986, stabilendo che “le prestazioni alberghiere e di somministrazione di alimenti e bevande acquistate direttamente dal committente non costituiscono compensi in natura per il professionista”: è rimasto, invece, invariato il primo periodo della disposizione, per effetto del

Visto di conformità e requisiti del professionista

I presupposti per il rilascio del visto di conformità sono stabiliti dal D.Lgs. n. 241/1997 e dal D.M. n. 164/1999. L’apposizione di tale asseverazione è necessaria con riguardo alla dichiarazione Iva, sia per poter compensare orizzontalmente un credito annuale di importo superiore ad euro 15.000, che per procedere alla richiesta di rimborso superiore ad euro